Le news degli Amici

GAM – Una collezione senza confini- Arte internazionale dal 1990 – 29 ottobre h. 11.00

Venerdì 29 ottobre alle ore 11.00

Saremo accompagnati da Riccardo Passoni, direttore della GAM, per una visita guidata in anteprima alla mostra: Una collezione senza confini- Arte internazionale dal 1990 che aprirà al pubblico la settimana successiva.

La GAM rinnova l’allestimento delle collezioni permanenti del Contemporaneo con un nuovo percorso che presenta 33 grandi artisti della scena artistica internazionale. Si tratta di 57 opere di grande importanza raccolte negli anni dal museo, tramite scelte mirate ad Artissima, acquisizioni e doni, seguendo un percorso internazionale.

Il ritrovo è all’entrata del museo muniti di Green Pass, documento d’identità e mascherina.

Dai la tua adesione al più presto.

MAO – Kakemono. Cinque secoli di pittura giapponese. La collezione Perino – 11 novembre h. 16.00

L’11 novembre alle ore 16.00 saremo invitati a visitare in anteprima la nuova mostra:

Kakemono. Cinque secoli di pittura giapponese. La collezione Perino che aprirà al pubblico il giorno successivo. Saremo accompagnati dal curatore della mostra, Professore di cultura materiale del Giappone premoderno all’Università di Leida. La visita si svolgerà in lingua inglese, con interventi aggiunti in italiano del Dott. Marco Guglielminotti Trivel, conservatore del MAO per l’Asia orientale. Sarà presente anche il Dott. Claudio Perino, proprietario delle opere.

La mostra presenta circa 120 di questi dipinti verticali, oltre a ventagli dipinti e lacche decorate, che conducono il visitatore attraverso un mondo ricchissimo, in cui rappresentazioni minuziose e naturalistiche, punteggiate di dettagli sottili, si affiancano ad immagini estremamente essenziali e rarefatte, dove la forma perde i suoi contorni, si disgrega progressivamente per diventare segno evocatore di potenti suggestioni, in un estremo esercizio di sintesi e raffinatezza.

Il ritrovo è all’entrata del museo muniti di Green Pass, documento d’identità e mascherina.

Dai la tua adesione al più presto.

FONDAZIONE ACCORSI-OMETTO 16 novembre h. 19.00

Martedì 16 novembre alle ore 19.00 saremo accompagnati dal direttore Luca Mana, alla mostra:

Parigi era viva” de Chirico, Savinio e Les Italiens de Paris.

La mostra, restituisce il clima artistico, propositivo, dialogante e provocatorio, di un crocevia spazio-temporale unico e irripetibile: attraverso una settantina di opere si ritrova quella tensione europeista maturata tra la fine degli anni Venti e l’inizio degli anni Trenta, un’epoca che vide Parigi farsi scenario di una cultura cosmopolita e interattiva, antitradizionale, in cui maturare il confronto con i movimenti avanguardisti.

Il ritrovo è all’entrata del museo muniti di Green Pass, documento d’identità e mascherina.

Dai la tua adesione al più presto.

REGGIA DI VENARIA – Una infinita bellezza. 23 settembre h. 14.30

Una infinita bellezza. Il paesaggio in Italia dalla pittura romantica all’arte contemporanea

L’esposizione riunisce oltre 200 opere, in gran parte dipinti, ma anche sculture e installazioni, che documentano l’attenzione e l’amore che tanti artisti hanno avuto per l’ambiente naturale e per il paesaggio in Italia, dal primo romanticismo fino all’arte contemporanea.

Il ritrovo è all’entrata della mostra 10 minuti prima muniti di Green Pass, documento d’identità e mascherina. Il costo della visita guidata, per un massimo di 15 partecipanti, è di 20 euro da versare con bonifico o in loco.

Dai la tua adesione al più presto.

PALAZZO MADAMA – Il rinascimento europeo di Antoine de Lonhy. 6 ottobre h. 14.30

Saremo accompagnati dai curatori Simone Baiocco e Simonetta Castronovo per una visita guidata in anteprima alla mostra: Il rinascimento europeo di Antoine de Lonhy che aprirà al pubblico il giorno successivo.

L’esposizione, punta a ricomporre la figura di Antoine de Lonhy, un artista poliedrico – era pittore, miniatore, maestro di vetrate, scultore e autore di disegni per ricami – che ebbe un impatto straordinariamente importante per il rinnovamento del panorama figurativo del territorio dell’attuale Piemonte nella seconda metà del Quattrocento.

Il ritrovo è all’entrata di Palazzo Madama muniti di Green Pass, documento d’identità e mascherina. Le visite guidate sono di 10 persone alla volta a distanza di 10 minuti una dall’altra.

Dai la tua adesione al più presto.

“La luce nell’arte contemporanea.” 8 giugno h. 18.00

Martedì 8 giugno dalle 18.00 alle 19.00. 

“La luce nell’arte contemporanea.”

Negli ultimi decenni, soprattutto grazie alle nuove tecnologie, la Luce è diventata un nuovo mezzo che permette agli artisti di esprimersi e stupire il pubblico con il suo incanto.
Sarà presentata da Carla Testore una selezione degli artisti che hanno fatto ricorso all’elettricità e alla luce come strumenti per esprimere il proprio linguaggio, utilizzando nei modi più svariati neon, fibre ottiche, light box, led …Un viaggio nel mondo della Luce a partire dagli anni ’50 con Lucio Fontana per arrivare fino ai neon di Dan Flavin, a Jenny Holzer, da Mario Merz a Mario Airò e verranno presentati artisti di fama consolidata insieme ad altri meno noti.

“Dal Dante monumentale all’Inferno di Topolino. L’immaginario del mito” 17 giugno h. 18.00

Giovedì 17 giugno dalle 18.00 alle 19.00

Giovanni C.F. Villa, “Dal Dante monumentale all’Inferno di Topolino. L’immaginario del mito”

Dal Dante risorgimentale, padre della lingua e di una nazione unita, celebrato tramite una serie di monumenti esemplari – Trento, Verona, Padova, Firenze e Napoli – che avranno il loro apice nel progetto di un Danteum a Roma sui Fori Imperiali alla divulgazione della Divina Commedia in una Repubblica giovane, e analfabeta. Può essere fatta la Divina Commedia a fumetti? si domandava nel 1959 Cesare Zavattini in una lettera all’amico Arrigo Polillo, alto dirigente della Mondadori. Zavattini era convinto il poema dantesco avesse “tutte le qualità per essere fatta a fumetti, tradotta in fumetti, divulgata in fumetti, comunicando certi suoi valori storici e morali, tipici per noi italiani, fra l’altro, senza bisogno di esprimere capillarmente la poesia”. E così sarà, il testo dantesco il più tradotto a fumetti nel mondo dopo la Bibbia. Dall’Inferno di Topolino della Walt Disney a Jacovitti, dai supereroi americani ai manga di Go Nagai, un percorso inusuale nel capolavoro dantesco.

“Arte Povera in collezione”. 29 aprile h. 17.30

Riccardo Passoni, direttore della GAM, ci propone un altro interessante incontro:

Giovedì 29 aprile anticipato dalle 17.30 alle 18.30

Arte Povera in collezione”.

La GAM, oltre alle opere ora esposte, ha una collezione imponente su questo ‘ismo’, insieme a quelle collezionate dalla CRT con e per il Castello di Rivoli.

La conversazione costituirà l’occasione per rimettere a fuoco il lavoro dei protagonisti di una indimenticabile stagione artistica torinese, italiana ed internazionale. Nata nel 1967 da una intuizione di Germano Celant – in parallelo alla teorizzazione del “Teatro Povero” di Grotowsky – essa sviluppava i sedimenti radicali dell’arte della generazione precedente, scaturiti dalle ricerche di Alberto Burri, Lucio Fontana, ma anche neo-dadaiste di Piero Manzoni. L’Arte Povera fu anche la prima manifestazione artistica che ebbe subito una consacrazione museale in Italia, e segnatamente nella nostra GAM nel 1970.

Amici della Fondazione Torino Musei | Via Magenta 31, 10128 Torino | Tel. 011 442 96 13 |
Cel.  338 4035806 | segreteria@amicifondazionetorinomusei.it |Privacy